E' più veloce l'adsl o il 4g?

E’ più veloce l’adsl o il 4g?

L’utilizzo di internet è ormai una prerogativa indiscutibile, dallo smart working alle lezioni online è fondamentale avere una connessione stabile e veloce. Esistono però differenti tipologie di connessione e in molti casi la disponibilità dipende dal luogo in cui si risiede. Molti utenti si chiedono però se la ormai obsoleta connessione ADSL sia più o meno veloce di una connessione 4G. La risposta necessita di un approfondimento per essere esaustiva, nelle prossime righe vedremo di interpretare i dati di velocità di adsl e router 4g grazie a https://www.routersitalia.it/.

Connessione ADSL

Con la parola ADSL (Asymmetric Digital Subscriber Line) si indica una classe di tecnologie capaci di trasmettere a livello fisico dati e informazioni attraverso un accesso digitale (internet) con un’alta velocità di trasferimento, trasmissione che avviene grazie al doppino telefonico, cioè nell’ultimo miglio del proprio impianto telefonico. Tale tecnologia appartiene alla famiglia xDSL ed è prevalentemente rivolta al mercato residenziale poggiando il proprio funzionamento su un provider. L’ADSL in Italia è stata utilizzata per la prima volta il 1° gennaio 2000 con una velocità massima di 640 kb/s.

Da un punto di vista tecnico questa tecnologia è cambiata molto nel tempo, sebbene il funzionamento sia sempre sullo stesso piano, le velocità sono incrementate notevolmente. Questa ha una larghezza di banda asimmetrica, cioè le velocità di download e upload sono differenti, particolarmente indicata per chi ha esigenze residenziali. Tale tecnologia si basa su diversi protocolli e frequenze ma per non rendere l’articolo troppo noioso è opportuno focalizzarsi sulle velocità e se possa essere più veloce di una linea 4G.

Una tecnologia ADSL Standard raggiunge velocità massime di: 10 Mbit/s in download e 1 Mbit/s in upload; mentre una più moderna ADSL 2+ può raggiungere velocità in download e upload rispettivamente di: 24.0 Mbps e 3.0MB/sec.

Velocità quindi buone ma non assolutamente consone per gli utilizzi attualmente necessari per una famiglia abituata a utilizzare internet costantemente. L’ADSL ha però un’ottima stabilità, sebbene i picchi di velocità non siano mai eccellenti, garantisce una latenza bassa e una connessione rocciosa nel corso del tempo.

Connessione 4G

Se l’ADSL appartiene alle tecnologie fisse, il 4G si caratterizza per essere una tecnologia mobile. Il termine 4G (fourth Generation) identifica una tecnologia multimediale avanzata capace di collegare i dispositivi a internet con un’elevata banda passante. In Italia nell’anno 2011 è stato pubblicato il primo bando per la suddivisione delle frequenze e da quell’anno tutti i gestori telefonici hanno messo a disposizione questa tipologia di connessione.

Da un punto di vista tecnico il 4G basa il proprio funzionamento su una linea senza fili trasmessa dalle BTS (antenne) dei provider. Ogni provider dispone di alcune frequenze e a seconda di queste migliorano o peggiorano le velocità. Le bande più utilizzate in Italia sono: banda 20, 3, 1 e 7 ma sono utilizzate anche le meno conosciute banda 8, 32 e 38. Affinché si possa avere un quadro preciso è opportuno analizzare le frequenze e le loro velocità.

Banda 20: 800MHz
Banda 8: 900 MHz
Banda 32: 1500 MHz
Banda 3: 1800 MHz
Banda 1: 2100 MHz
Banda 7: 2600 MHz
Banda 38: 2600 MHz

Maggiore è il numero della frequenza e maggiore sarà la velocità, ma è importante sottolineare come la Banda 20, la più lenta, possa penetrare facilmente all’interno delle pareti mentre la Banda 7, la più veloce, non possa farlo.

Preso atto di quali siano le frequenze è giunto il momento di parlare di velocità. Da un punto di vista teorico, in una condizione ideale la tecnologia 4G può raggiungere velocità massime di 200-300 Mbps in download e 50-100 Mbps in upload con un dispositivo di categoria 19.

È più veloce l’ADSL o il 4G?

Dopo aver analizzato le due tecnologie sembrerebbe scontato proclamare il vincitore. Benché i freddi numeri determinino una vittoria schiacciante per il 4G nell’utilizzo quotidiano tali valori possono essere completamente sovvertiti. Sottoscrivere un contratto con un provider 4G che dispone di una sola Banda o due non garantisce prestazioni ottimali, anzi in alcuni casi anche inferiori a quelli di un’ADSL 2+. Affinché si possa scegliere una o l’altra è fondamentale esaminare le velocità garantite dai provider nell’area in cui si risiede, in modo da optare per un’ADSL, più lenta ma stabile, oppure su una linea 4G più veloce ma variabile.