Quotazione oro usato scopri come funziona

Quotazione oro usato: scopri come funziona

Per vendere i propri gioielli in modo consapevole, la cosa migliore è conoscere la quotazione dell’oro usato (vedi sul sito vendereorousato.com) in tempo reale.
Troppo spesso, infatti, le persone non conoscono il controvalore dei preziosi che portano presso i banchi metalli o altri intermediari, ottenendo una cifra di gran lunga minore rispetto a quella che spetterebbe loro.
L’arma più efficace, a disposizione di tutti, risulta l’informazione, che riguarda la conoscenza del prezzo dell’oro usato e del suo andamento nel corso del tempo, con l’utilizzo di alcuni utili strumenti, rappresentati principalmente dai grafici.

La quotazione dell’oro usato: fare chiarezza

Le quotazioni dell’oro usato sono valori aggiornati quotidianamente: ad esempio, attualmente la cifra si attesta a 48,91 euro al grammo, ma il giorno successivo interverranno delle variazioni, stabilite dal mercato internazionale, in base alla legge della domanda e dell’offerta.
Fatte queste premesse, la quotazione dell’oro usato non è un dato che è possibile inventare a tavolino; quindi, tutti gli intermediari dovrebbero corrispondere la medesima cifra, a fronte dello stesso quantitativo d’oro.
Per stabilire il prezzo dell’oro usato, di conseguenza, vengono rispettati alcuni criteri base.
L’oro, in quanto metallo prezioso, è quotato in borsa e le sue quotazioni oscillano in funzione di determinati fattori, tra cui la situazione politico-economica mondiale.
Tale regola si applica all’oro puro, noto anche come oro a 24 carati, che corrisponde a 999,9 millesimi.

Il prezzo dell’oro usato in prospettiva temporale

Una corretta valutazione dell’oro usato, sia per liquidità aggiuntiva che per investimento, presuppone la conoscenza del suo valore aggiornato.
Ma, allo stesso tempo, risulta altrettanto importante analizzare la quotazione dell’oro usato sulla base di grafici, i quali mostrano, con immediato impatto visivo, le fluttuazioni intervenute nel mercato dell’oro in un determinato arco temporale.
I grafici interattivi, che riportano tali dati, consentono di determinare il costo dell’oro usato al grammo in modo dinamico e quantificare esattamente quanto sarà possibile ricavare dal quantitativo di oro da vendere.
Inoltre, impostando le cifre in euro, anziché in dollari, e i grammi al posto delle once, l’interpretazione dei valori sarà ancora più semplice.
Ancora oggi, infatti, l’unità di misura dell’oro è espressa in once, e il suo controvalore è rappresentato dal dollaro; quindi, risulta indispensabile operare due conversioni, elemento che non sempre è di immediata comprensione.

Come è stabilito il prezzo dell’oro usato

Per determinare il valore dell’oro usato, dopo aver conosciuto le quotazioni del metallo prezioso a 24 carati, è opportuno precisare però che, la maggior parte delle persone, dispone di gioielli in oro 18 carati, che corrispondono a 750 millesimi.
La quotazione dell’oro usato 750, quindi, non sarà la stessa di quella dell’oro a 999,9 millesimi, ma sarà inferiore, dal momento che il gioiello è composto per una percentuale pari all’incirca 75% di oro e l’altro 25% da altri metalli leganti, i quali consentono al manufatto di avere il colore e la consistenza che presenta.
Un monile di 24 carati, infatti, non avrebbe le caratteristiche fisiche adeguate a garantire la durevolezza nel corso del tempo.
Per stabilire il prezzo dell’oro, quindi, è necessario partire dalla quotazione in borsa del metallo prezioso 24 carati e sottrarre il 25%.
Considerando un costo finale ipotetico di 22 euro, i negozi di compro oro, per ottenere un guadagno, lo pagano al massimo 19 o 20 euro al grammo.
Inoltre, sarà necessario considerare altri costi, legati al calo fisiologico dell’oro, in occasione della fusione.
Per questo motivo, prima di chiedere una valutazione del proprio oro usato a un compro oro, è opportuno procedere a una quotazione in autonomia, per evitare di cadere nelle mani di persone poco professionali, che promettono cifre irrealizzabili e poi liquidano una miseria.